E’ la storia di Paolina Pezzaglia Greco, grande attrice vissuta tra il 1889 e il 1925, di tutti coloro che hanno fatto parte della sua vita e delle epoche che attraversò: belle epoque, grande guerra, fascismo

sabato 10 dicembre 2011

3 - Prologo, Parte Terza: DOPO LA MORTE, IL RICORDO

Ruggero Greco
(1908/1976)
figlio di  Paolina
negli anni seguenti la morte di sua madre 
volle incontrare vari personaggi del mondo teatrale e cinematografico italiano per ottenerne un ricordo.
Le loro dichiarazioni, riferite oralmente a suo figlio Gianni, furono da questi trascritte nei loro tratti essenziali.

Ed eccole:


GABRIELE D'ANNUNZIO,
poeta e drammaturgo
(1863/1938)

 "E’ stata la Mila di Codra ideale, e ha tenuta accesa la mia fiaccola ponendola sopra il moggio!".


ADA NEGRI,
poetessa
(1870/1945)

"Una grande interprete della mia poesia, ma per me soprattutto un'amica...".


DARIO NICCODEMI,
drammaturgo
(1874/1934)

"Forse la miglior 'Nemica' sulle scene".


SEM BENELLI,
drammaturgo
(1877/1949)

“Eccezionale: nella ‘Cena’ Paolina riuscì ad essere sia Ginevra che Giannetto Malespini. Un’attrice stupefacente”.


LUIGI MAGGI,
regista cinematografico
(1867/1947)

“Nel mio ‘Fornaretto di Venezia’ Paola Pezzaglia è stata l’amante perfetta. Avrebbe dovuto fare più cinema”.


RENZO RICCI,
attore
(1899/1978)

"Grande attrice, dalla rara dote di inchiodare il pubblico sulle poltrone dall'inizio alla fine".


MARGHERITA BAGNI,
attrice
(1902/1960)

"Avrebbe meritato molto di più, ma la vita le fu breve e piena di ostacoli".


SERGIO TOFANO (STO),
attore e disegnatore
(1886/1973)

 "Quella lì dava lezioni a tutti!".


RUGGERO RUGGERI,
attore e capocomico
(1871/1953):

"La Pezzaglia fu una promessa mantenuta per il pubblico, ma non
per se stessa".


ERMETE ZACCONI,
attore e capocomico
(1857/1948)

"Avrei voluto averla per più tempo con me. Ne conservo un gran ricordo:
la prim'attrice perfetta".


CAMILLO PILOTTO,
attore
(1890/1963)

"Non si fermava di fronte a niente, la Paolina: volenterosa e forte.
Attrice nell'anima".


ENRICO VIARISIO,
attore, scoperto da Paolina
(1897/1969)

"Ah, la Paolina, la Paolina... Che donna! E che peperina!".


NINO BESOZZI,
attore
(1901/1971)

"Quando era sulla scena lei ci sentivamo tutti dei novellini".


DINA GALLI,
attrice e capocomica
(1877/1951)

"Che cara e brava compagna di lavoro! Ci si stava benissimo insieme!".


LUIGI ALMIRANTE,
attore
(1886/1963)

"Nata per le scene, Paolina. Simpatica e unica".


BENIAMINO GIGLI,
tenore
(1890/1957)

“Se Paolina Pezzaglia Greco si fosse data al canto sarebbe stata un grande soprano”.


OTTORINO RESPIGHI,
compositore
(1879/1936)

“Conobbi Paolina nel periodo in cui stavo scrivendo ‘Le fontane di Roma’, e lei era una fontana dal getto vivace e luminoso. Le dedicai qualche nota…”.


ODOARDO SPADARO,
chansonnier e attore
(1893/1965)

“Ebbi modo di conoscere e apprezzare la Paolina quando si stabilì a Firenze. Mi dette anche qualche consiglio di scena che mi fu molto utile. Quando morì per me fu un dolore fortissimo, non ci volevo credere… Porta un bacione a Paolina”.

(nessuna immagine)
GIOVANNI ZANNINI,
attore, capocomico e regista cinematografico
(1884/1951)

“Avemmo Compagnia insieme alternativamente fino al 1914, quando lei iniziò a lavorare nel cinema. Io come regista e attore dal 1915. Era molto più brava di me sulla scena, ho sbagliato a non chiamarla nei miei film. Ma ci sono cose che preferisco non raccontare…”.


ACHILLE VITTI,
attore e capocomico 
(1866/1935)

"Paolina era appena uscita dalla Compagnia di Zacconi, e io me l'accaparrai subito. Con lei è rimasta memorabile la tournée in Tunisia del 1912. Al Rossini di Tunisi il successo fu grande grazie soprattutto a lei".


MARY CLEO TARLARINI,
attrice e produttrice
(1878/1954)

"Quando la vidi truccata da Madama Girasole per il film 'Le peripezie dell'emulo di Fortunello e compagni', che avevo prodotto io, non la riconobbi. E ci facemmo delle grandi risate insieme".


VIRGINIA REITER
attrice e capocomica
(1862/1937)

"Con Paolina nella mia Compagnia avevo trovato una giovane 'rivale': in fatto di voce e dizione non aveva molto da invidiarmi".


MARIA CAMPI
canzonettista e attrice, inventrice della "mossa"
(1877/1963)

"La Paolina era un'attrice vera, e a me che venivo dal varietà dette degli ottimi consigli, tanto che nel film 'La capanna dello zio Tom', che girammo insieme, fui finalmente all'altezza di una parte drammatica. Grazie, Paolina".

-----------------------------------------


Alcuni di loro lasciarono, come vediamo, una foto con autografo a
Ruggero Greco.
Ermete Zacconi volle dedicare la sua a 
Ruggero 'Greco-Pezzaglia',
tanto forte e bello era in lui il ricordo di Paolina.

Per continuare la lettura clicca il link qui sotto  http://pezzagliagreco.blogspot.com/2011/12/4-riprendendo-dallinizio-prima-di.html